Riso Goio 1929

Piemonte

Dalla passione e dalla dedizione nascono solo cose buone e per la perfetta riuscita di un buon risotto bisogna innanzitutto scegliere un riso di qualità.

Emanuele Goio - Titolare

L'AZIENDA

La famiglia Goio ha iniziato la sua tradizione nel campo del riso grazie al fondatore Ernesto che nacque nel 1903. Nel 1929, dall’area di Novara si trasferì a Rovasenda dove diede vita all’attività affittando i terreni agricoli dei Conti di Rovasenda, nel cuore dell’area pedemontana detta Baraggia Vercellese, terreni argillosi che si prestano alla coltivazione del riso grazie a questa caratteristica naturale. Nel corso degli anni, Ernesto, acquistò parte delle terre e nel 1964 grazie all’arrivo di Pietro in azienda è stato possibile incrementarne le superfici adibite a coltivazione. In seguito fu Emanuele che, da sempre convinto che il riso coltivato nel territorio della Baraggia avesse qualità superiori, aderì con entusiasmo alla valorizzazione della “Dop riso di Baraggia Biellese e Vercellese”, riconoscimento Europeo ottenuto nel 2007. Emanuele continua la tradizione di famiglia con grande passione, quella passione che rende il riso Goio unico nel suo genere.

LA PRODUZIONE

Il Riso Goio viene coltivato nel cuore della BARAGGIA BIELLESE E VERCELLESE. Dal 1929 coltiviamo le nostre terre, collocate nel cuore DELLA BARAGGIA BIELLESE E VERCELLESE, con amore e rispetto per la natura, ma senza tralasciare nuove tecniche colturali e le più avanzate tecnologie agronomiche. La coltivazione avviene sotto il controllo dell’ Ente Nazionale Risi che insieme al CONSORZIO DI TUTELA DEL MARCHIO vigila sul rispetto delle prescrizioni previste dall’ apposito disciplinare di produzione a garanzia del prodotto. Negli ultimi anni ci siamo orientati sull’ avvicendamento colturale alternando coltivazioni di riso in asciutta a coltivazioni di soia. Come il nonno già faceva molti anni fa, si è così rintrodotta la rotazione dei terreni. Dopo 2 anni di coltivazioni di soia viene risistemato il terreno con lama a controllo laser per poter effettuare, nel migliore dei modi, la semina del riso in asciutta a file interrate e non, come si fa normalmente, a spaglio con risaie sommerse. Questa tecnica abbinata, consente un minor uso di prodotti chimici e un notevole risparmio d’ acqua, bene da noi considerato molto prezioso, limitando l’ impiego di questa a poche settimane.

I nostri prodotti - Riso Goio 1929